qui e là

__

                                                                  Una meta divisa

                                                                                                          29 novembre – 7 dicembre 2012

Cfr.artecontemporanea ha occupato  pareti e tavoloni dello studio dell’architetto Giorgio Rosental, in via San Pio V, 20.

Lo studio è stato messo a disposizione di due  artisti:  Gosia Turzeniecka e Marco Memeo. Per Ivan Fassio, che accompagna anche con un’interpretazione letteraria l’evento espositivo, nelle opere di Gosia Turzeniecka va rintracciata “la ricerca dello scarto, dell’estremo valore della differenza che fa sì che appunti e memorie reclamino la loro originaria condizione di testimonianze autentiche, di irripetibili sensazioni, di sorgenti della creazione”, mentre negli acquerelli di Marco Memeo “i tasselli del paesaggio iniziano a non riconoscere più l’organicità della prospettiva che un tempo li legava e giustificava. Si affacciano, pian piano, sempre più irriconoscibili, ed emergono sulla tela, isolati, amplificati, ingranditi fino a sfocarsi, svincolati spontaneamente da ogni volontà omologante e rassicurante”. Il titolo della mostra Una meta divisa  è tratto da una poesia di Marco Memeo e giovandosi  della preziosa ambiguità del linguaggio poetico allude sia alla condivisione dell’evento artistico da parte di Gosia e Marco, sia al duplice intento dell’esposizione, che  prevede la destinazione di parte del ricavato alla MAS CTH Onlus, ( Mohamed Aden Sheikh Children Teaching Hospital Onlus) che sta finendo di costruire e gestirà l’ospedale pediatrico di Hargeisa, nel Somaliland,progettato dall’architetto Giorgio Rosental. L’idea dell’ospedale nasce per volontà del dott. Mohamed Aden Sheikh, scomparso nel 2010. Ministro della Sanità e della Cultura e dell’Informazione in Somalia, il dott. Aden è stato vittima della repressione durante la dittatura di Siyaad Barre e ha continuato ad adoperarsi dall’Italia, e in particolare da Torino, per il suo paese; fra i suoi ultimi impegni quello di costruire questa struttura, in una regione in cui la disponibilità del governo locale, la presenza di una struttura sanitaria pubblica e dell’Università con la facoltà di Medicina, potevano rappresentare le condizioni per lo sviluppo di un intervento in grado di incidere in modo significativo sulle condizioni sanitarie di tutto il paese. Proprio a questa nuova nascente struttura sarà destinato il ricavato della vendita di una incisione raffigurante un particolare dell’ospedale stesso che Marco Memeo ha realizzato appositamente per questa occasione (l’incisione sarà stampata in 75 copie).

                                                                           ____

                                                                         

                                                                   Corina Cohal

                                                                                                            27 gennaio – 5 marzo 2013

                                                                                                Ristorante Alef, Via Sant’Anselmo 4, Torino

I lavori della giovane artista di origine rumena Corina Cohal (1980) sono segnati dal tempo che “macchia e smacchia” la vita in un perpetuo ciclo di strappi e guarigioni. Gli eventi quotidiani e la memoria storica si fondono in un lavoro introspettivo intimo e universale. Incisioni raffinate su lastre di zinco con tecnica mista (acquaforte, acquatinta, punta secca, china e zucchero, cera molle, ossidazione), stampate in tiratura limitata su carta tedesca media. Due opere, “Preghiera” e “La mia anima destra”, sono disegni a china su carta. Corina Cohal, gocce

                                                                                                                                      _______

                                               Il liberoabecedario di Nicola Oliveri

                                                                                                                       7 – 20 dicembre 2013

Negli spazi dell’atélier  VERDELILLA, in corso Re Umberto 17 a Torino,   la libera interpretazione dell’abecedario di Nicola Oliveri .

Quello di Oliveri  è un abbecedario da muro che si intitola appunto ILLIBEROABECEDARIO,   composto da ventuno singoli elaborati di vari formati, ognuno dedicato a una lettera,  in cui proprio come in ogni abbecedario convivono lettere, parole e disegni. Tecniche usate: Matita, carbone, penna a inchiostro, pittura a olio, transfer , stampa su acetato, anilina, pigmenti e sovrapposizioni di carte trasparenti.   giocattolo

Annunci